Sei qui: Home

W la scuola - A. S. 2015-2016

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Il responsabile del servizio    Giovedì 20 Agosto 2015 00:00

2 giugno

Borsa di studio per studenti meritevoli e contributo per acquisto dei libri di testo. - Anno scolastico 2015-2016

L'amministrazione Comunale per l'anno scolastico 2015-2016 ha istituito una borsa di studio per gli studenti che conseguono la licenza di scuola secondaria di primo grado (classe terza media) con il massimo dei voti; nel caso in cui più alunni conseguano il massimo dei voti, l'importo sarà diviso in parti uguali.

Nel bilancio pluriennale 2015-2017 in corso di approvazione è stato previsto per l'anno scolastico 2015-2016 un contributo a carico del bilancio comunale per l'acquisto dei libri di testo in favore solo degli alunni che risiedono nel Comune di Giungano e frequentano il primo anno della scuola secondaria inferiore (media), collegando l'attribuzione di tale contributo al merito scolastico, secondo i seguenti criteri:

Media dei Voti scolastici conseguito a fine anno Contributo in percentuale al costo dei libri
6 30%
7-8 50%
9-10 100%

Borsa di studio / Contributo spese per acquisto libri Delibera Schema di domanda

01 - Istituzione borsa di studio per studenti meritevoli da assegnare a coloro che conseguono la licenza di scuola secondaria di primo grado (scuola media) con il massimo dei voti nell'anno scolastico 2015/2016

Del. G.C. 62 31_07_2015... Domanda borsa di studio...

02 - Istituzione borsa di studio sotto forma di contributo per l'acquisto dei libri di testo solo per gli alunni che risiedono nel Comune di Giungano e frequentano il primo anno della scuola secondaria inferiore (Prima media), collegando l'attribuzione di tale contributo al merito scolastico

Del. G.C. 62 31_07_2015... Domanda contributo libri...

P.S.: Condizione necessaria per ottenere il contributo spesa è la presentazione della fattura di acquisto dei libri!

Scarica il manifesto completo ...

Dalla Residenza Municipale 20 agosto 2015


Il responsabile del servizio
(Sig. Gerardo Monzo)

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 28 Agosto 2015 07:16 )
 

Ordinanza n. 13

PDF  Stampa  E-mail  Scritto da Il Vice Sindaco    Mercoledì 15 Luglio 2015 00:00

2 giugno

ORDINANZA N. 13
DIVIETO DI CONSUMO ACQUA POTABILE PER USI NON DOMESTICI
IL VICESINDACO

Considerato che nel periodo estivo è possibile il verificarsi di situazioni di carenza nella distribuzione dell'acqua potabile attraverso il servizio del civico acquedotto, dovuto anche ad un naturale maggior consumo.

Ritenuto che la mancanza di acqua potabile nelle abitazioni oltre a creare immaginabili disagi nella vita quotidiana, crea seri problemi di natura igienico sanitaria.

Ravvisata la necessità di dover intervenire immediatamente, per la tutela e la salvaguardia dell'igiene e della salute pubblica, ordinando il divieto assoluto di utilizzo di acqua potabile per scopi diversi dagli usi domestici, quali "INNAFFIAMENTO DI GIARDINI, ORTI, RIEMPIMENTO DI PISCINE PRIVATE, LAVAGGIO AUTOVEICOLI, ECC. "

Visto l'art. 50 , 5° comma, del Decreto Legislativo 18/08/2000, n. 267;

O R D I N A

Per i motivi su esposti, il divieto assoluto, su tutto il territorio del Comune di utilizzare l'acqua potabile per scopi diversi dagli usi domestici così come indicato in premessa nel periodo (15 luglio-15 settembre)

Qualora per necessità di pubblico interesse o per il mantenimento di beni pubblici, oltre che per inderogabili e improrogabili necessità, si debba far uso dell'acqua erogata dal pubblico acquedotto, il personale del Comune o soggetti appositamente incaricati, possono farne strettamente uso per garantire la buona conduzione del bene che in caso contrario potrebbe danneggiarsi irrimediabilmente.

E' fatto obbligo alla Polizia Municipale e all'Ufficio Tecnico Comunale far osservare la presente Ordinanza.

Il personale del Consorzio incaricato della gestione del servizio dovrà vigilare e segnalare eventuali consumi eccessivi rilevabili da appositi apparecchi misuratori.

AVVERTE

Le infrazioni a quanto sopra ordinato saranno punite con una sanzione da Euro 25,00 a Euro 500,00.

Contro la presente ordinanza è ammesso, nel termine di giorni 60 dalla pubblicazione, ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale competente per territorio (Legge 06/12/1971, n. 1034) ai sensi dell'art. 3 quarto comma della Legge 07/08/1990 n. 241.

Dalla Residenza Municipale 15 luglio 2015

IL VICESINDACO

(Cav. Giuseppe ORLOTTI)

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 17 Luglio 2015 10:15 )
 
Altri articoli...
Pagina 6 di 9